Lo scotch telato americano: perché averlo sempre con te

Tra i 10 Top Item in ambito survival, non può mancare il nastro adesivo, quello che tutti conosciamo con diversi nomi: scotch telato grigio, duct tape o nastro americano del tipo Tesa / Saratoga.
Perché è così fondamentale? Te lo racconto in questo articolo.

(Vuoi ricevere gli articoli di Portale Sopravvivenza in anteprima sul tuo smartphone? Iscriviti al nostro canale Telegram).

Il nastro adesivo sempre con noi

Innanzitutto lo scotch telato grigio è in grado di riparare pressoché ogni cosa.
È in grado di resistere a temperature molto alte e molto basse ed è facile da reperire nonché da trasportare. 
I motivi per i quali dovresti includerlo nella tua BOB sono molteplici, ma in questo articolo ti elenchiamo i principali 6:

  • Può riparare strappi su tessuti, unire metalli, carta, plastica ecc.. Se ti si strappa lo zaino, il sacco-letto o le scarpe, puoi ripararlo facilmente con del nastro;
  • Può essere usato per la costruzione di ripari d’emergenza;
  • Può essere usato come medicazione di fortuna oppure usato come “compeed” sulle vesciche ai piedi;
  • Può essere arrotolato ed usato come cavo o fune;
  • Può essere impiegato per impermeabilizzare;
  • Può essere strappato in piccoli pezzi ed essere usato per accendere il fuoco;

Per citare gli usi più stravaganti, il nastro telato è stato usato per tenere assieme parti del motore di un aereo (fidati, lo trovi su Google), per ammanettare o immobilizzare persone, per fabbricare fischietti, canoe, cappelli e anche pentole per far bollire l’acqua.

Sebbene a volte sia molto caro vale la pena davvero averne sempre a portata di mano ma, dato l’ingombro, non è il caso di portarsi dietro un rotolo intero.

Come averlo sempre a portata di mano

Portare sempre con sé un po di nastro americano è semplice: basta trovare una cannuccia, un tubetto di plastica, una matita o penna della lunghezza di mezzo cm in più dell’altezza dello scotch in possesso e arrotolarne un paio di metri, che saranno più che sufficienti per un kit EDC.

Se sceglierete questo metodo, avrai anche a disposizione una cannuccia per bere, un tubetto di plastica per fabbricare trappole oppure una matita o biro per scrivere.
Tieni a mente che per quanto banale possa sembrare, questo oggetto è incluso nei kit di sopravvivenza militari fin dagli anni 60 e, ancora oggi, è un Top Item nei kit moderni.

Leggi anche:
Come realizzare il Char Cloth
Kit EDC urbano: un esempio basic (+video)

Articolo a cura di: Fallen Legend
Revisione a cura di: Alessandro Mastrandrea

Photograb: tapeall.us

2 commenti
  1. Secondo te se lo uso per mantenere dritto il braccetto rotto del mio mavic mini mi conviene attaccarne un pezzo anche negli altri 3 bracci per bilanciare?
    Grazie

    1. Dunque, se il braccetto è rotto devi assicurarti di fissarlo molto bene perché subiscono turbolenze e forze molto intense durante il volo.
      A meno di non mettere kg di nastro, non è necessario compensare. Rifai la calibrazione e dovrebbe andar bene.

      Ovviamente, meglio sostituire il braccetto quanto prima 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.