Siamo tutti Supereroi (se non stressati)

Ok, a tutti noi sta ovviamente a cuore il tema della sopravvivenza, per alcuni è solo un hobby per altri è uno stile di vita. Io, come molti di voi non ho avuto un imprinting militare per scelte di origine etica che non starò a disquisirne adesso perché non è nel luogo ne il momento. Tuttavia, sono convinto che anche coloro che sono stati arruolati nelle forze armate, nella maggior parte dei casi, non hanno avuto questa preparazione. Di cosa sto parlando? Sto parlando del DPTS (disturbo post traumatico da stress).

(Vuoi ricevere gli articoli di Portale Sopravvivenza in anteprima sul tuo smartphone? Iscriviti al nostro canale Telegram)

Il disturbo post traumatico da stress

A parte appunto qualche supereroe, noi tutti nonostante le nostre preparazioni sia come prepper, sia come survivalist, ci siamo da sempre preparati a tutto ciò che possa succedere, anticipandone le mosse; ma se parliamo seriamente di preservazione della specie, saremmo in grado di cavarcela?

Facciamo finta che domani, anzi adesso, succeda quello che noi nel nostro piccolo da tempo ci stiamo preparando: saremmo veramente pronti? Se vedessimo la nostra famiglia soccombere a causa di un’alluvione, davanti a i nostri occhi, piuttosto che sotto le macerie della nostra abitazione crollata a causa di un terremoto, come reagiremmo? Saremmo in grado di gestire lo stress o il DPTS?

A parte pochi fortunati di noi, per la maggior parte sarebbe completamente un salto nel buio.

Ripeto, questo post è dedicato alle persone normali e non ai Rambo di turno.. in un contesto post-“qualunque cosa vogliate”, difficilmente riuscirete a trovare immediatamente qualunque tipo di medicina che possa mitigare il vostro stato di shock. Come comportarci allora?

Abbiamo due scelte: la prima, aggiungere nel nostro kit di sopravvivenza dei psicofarmaci che personalmente escluderei a priori sia per motivi etico-salutistici, sia di scadenza che per oggettiva reperibilità (non sono farmaci da banco e la prescrizione dev’esser fatta da un medico qualificato). La seconda è un approfondimento a livello botanico di piante che possono mitigare gli stati ansiosi e gli attacchi di panico che al momento del bisogno potrebbero fare la differenza. Inoltre, non tralasciamo il fatto che non avremmo il bisogno di recarci in farmacia perchè avremmo la natura dalla nostra parte.

Questo è un caso limite per introdurre l’argomento dei rimedi naturali. Se siete interessati, dunque, potete approfondire leggendo l’articolo dedicato alle cure naturali per combattere il disturbo post traumatiche da stress.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

10 termini che ogni prepper deve conoscere

Articolo successivo

Apre il canale di Portale Sopravvivenza su Youtube

Total
0
Share